pexels mikhail nilov 8430474 scaled
 |  |  | 

Cosa vedere a Parigi: gli imperdibili e la Parigi insolita

tempo di lettura: 10 minuti

Abbiamo deciso di trascorrere 4 giorni nella bellissima capitale francese. Un posto che ho visitato già due volte, ma che meriterebbe anche la terza visita (se non la quarta). Prima di parlare di cosa vedere a Parigi cerchiamo di capire con una mappa come si compone il centro di Parigi con i suoi arrondissement.

Orientarsi a Parigi: gli arrondissement

Innanzitutto com’è organizzata la città? Il centro di Parigi è suddiviso in 20 “arrondissement, il primo dei quali si trova in posizione centrale, mentre tutti gli altri si sviluppano progressivamente attorno al primo, seguendo un movimento circolare e orario.

Il famosissimo Louvre, per esempio, si trova nel primo arrondissement, mentre la basilica del Sacre Coeur ha sede nel diciottesimo arrondissement, come si vede nell’immagine in basso:

arrondissement parigi
Credito della foto: fotodiparigi.blogspot.com

Noi abbiamo deciso di scegliere l’arrondissement numero 11 per alloggiare e da qui ci siamo mossi agevolmente per visitare la città a piedi (scopri dove mangiare nell’arrondissement 11).

Ed ecco cosa abbiamo visitato nei nostri 4 giorni a Parigi.

Gli imperdibili: cosa vedere assolutamente se visiti Parigi per la prima volta

Chiamo imperdibili i luoghi di Parigi che non puoi assolutamente prescindere dal visitare, se vieni qui per la prima volta.

Non solo, forse il tuo è un viaggio lampo di mezza giornata, o di poche ore, in attesa di prendere quell’aereo che ti porterà a New York o in Messico. Oppure hai a disposizione 24 ore o due giorni soltanto. Ecco, in tutti questi casi non dovresti perderti gli imperdibili (perdonami il gioco di parole).

Qui sotto trovi una mappa con l’itinerario per vedere tutto quello che non dovresti perderti in 1 giorno a Parigi. Puoi percorrere l’itinerario a piedi in circa 3 ore. Il punto di partenza è la torre Eiffel, quello di arrivo è Montmartre, per la precisione, la Basilica del Sacre Coeur. Puoi anche decidere di percorrerlo in direzione inversa, a seconda di dove ti trovi.

Se ti rimane del tempo, aggiungi anche un museo o un luogo insolito al tuo itinerario (di questi ti parlo più in basso nell’articolo).

Ecco i miei imperdibili:

1. Torre Eiffel

Cosa vedere a Parigi: la Tour Eiffel
Cosa vedere a Parigi: la Tour Eiffel

La maestosa Torre Eiffel, situata nel suggestivo Champ de Mars, è l’emblema indiscusso di Parigi e un’attrazione imperdibile per i visitatori.

Curiosità: la torre è stata costruita nel 1889 per l’Esposizione Universale e doveva essere smantellata nel 1909. Ma la sua altezza offriva un grande vantaggio per l’installazione di antenne radio e quindi la torre fu mantenuta, divenendo il simbolo della città.

2. Champs Élysées

Gli Champs Élysées sono dei viali alberati tra i più famosi e affascinanti del mondo. Rinomati soprattutto per i negozi di lusso e i caffè alla moda. Passeggiare lungo questi ampi viali alberati ti dà l’opportunità di ammirare alcuni dei monumenti più iconici di Parigi, come l’Arco di Trionfo.

Cosa vedere a Parigi: l'Arco di Trionfo si può osservare passeggiando su gli Champs Élysées
Cosa vedere a Parigi: l’Arco di Trionfo si può osservare passeggiando lungo gli Champs Élysées

3. Notre Dame

La cattedrale di Notre Dame, con la sua maestosa architettura gotica e le sue torri imponenti, è un simbolo di Parigi e un capolavoro dell’arte medievale. Nonostante l’incendio del 2019 abbia causato danni significativi, la cattedrale continua a ispirare i visitatori con la sua bellezza intramontabile. Anche se attualmente in fase di restauro, è comunque possibile ammirare la sua facciata e passeggiare lungo le sponde della Senna, godendo della vista di questo monumento storico che ha resistito al passare dei secoli.

4. I Giardini delle Tuileries

Cosa vedere a Parigi: les Jardines de Tuileries
Cosa vedere a Parigi: les Jardines de Tuileries

Questi giardini si trovano proprio di fronte al museo del Louvre. Sono una vera e propria oasi di tranquillità e bellezza nel caos della città. Creati nel XVI secolo per il Palazzo delle Tuileries da Caterina de Medici, oggi offrono ai visitatori un rifugio verde con fontane, statue e aiuole sempre impeccabili.

5. Montmartre

Il quartiere di Montmartre incanta con il suo fascino bohémien e le sue strette stradine intrise di uno charme senza tempo. Famoso per essere stato il quartiere degli artisti, qui è possibile visitare la Basilica del Sacro Cuore, il Moulin de la Galette, il Moulin Rouge. Ma non solo, potrai anche ammirare gli artisti di strada in azione e godere di una vista panoramica spettacolare sulla città.

Gli imperdibili di Montmartre: cosa devi assolutamente vedere a Montmarte

6. La Basilica del Sacro Cuore

Cosa vedere a Parigi: le Sacre Coeur
Cosa vedere a Parigi: le Sacre Coeur

Imponente sulla cima di Montmartre, si staglia la Basilica del Sacro Cuore, costruita nel tardo XIX secolo, offre una vista mozzafiato su Parigi. I suoi eleganti archi e le cupole bianche la rendono un’icona indiscussa della città, accogliendo visitatori da tutto il mondo in un’atmosfera di sacralità e contemplazione.

7. Moulin Rouge

Moulin Rouge a Montmartre
Cosa vedere a Parigi: Moulin Rouge

Cuore pulsante della vita notturna parigina, il Moulin Rouge è rinomato per i suoi spettacoli di cabaret e can-can. Fondato nel 1889, questo locale iconico ha ospitato numerose star e ha mantenuto intatta la sua atmosfera vivace e trasgressiva, attirando visitatori desiderosi di vivere una notte indimenticabile nella Ville Lumière.

8. Moulin de la Galette

Moulin de la Galette in vista frontale
Le Moulin de la Galette

Il Moulin de la Galette, un antico mulino a vento trasformato in ristorante, racchiude un’atmosfera romantica e bohémien. Questo luogo incantevole offre specialità gastronomiche tradizionali e un’esperienza unica immersa nella storia e nella bellezza di Montmartre.

Questo posto così famoso è stato immortalato dal pennello di molti pittori impressionisti come van Gogh e Renoir, ma anche da Picasso e da Toulouse-Lautrec.

Nel XIX secolo, infatti, oltre ad ospitare dei mulini a vento, questo era un luogo di ritrovo munito di una sala da ballo con ristorante e bar.

Chi non ricorda il celebre quadro di Renoir intitolato “Bal au moulin de la Galette”? Se vuoi ammirarlo da vicino, tra l’altro, lo trovi al Musée d’Orsay (di cui ti parlerò tra poco)!

Bal au Moulin de la Galette, un famoso quadro del pittore di Renoir che rappresenta l'atmosfera vivace del locale Moulin de la Galette nel XIX secolo.
Pierre-Auguste Renoir, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

I musei da visitare se visiti Parigi

I musei di Parigi sono davvero molti e ce ne sono di ogni tipo. Se resti a Parigi per più di un giorno sarebbe conveniente distribuirne uno su ogni giornata, perché credimi, sono davvero enormi.

Inoltre, essendo dei luoghi al chiuso, potrebbero rappresentare la meta ideale nel caso in cui le previsioni del tempo prevedano pioggia o un clima infausto. Quindi controlla sempre il meteo per ottimizzare il tuo viaggio!

1. Atelier des Lumières: il museo adatto ai bambini

Questo è il luogo adatto in cui passare qualche ora se sei in compagnia della tua famiglia e se hai dei bambini.

Io lo considero in parte un museo e in parte un luogo di divertimento, per questo è adatto ai più piccoli, ma anche agli adulti.

atelier de lumieres
la magia nell’atélier de Lumières

I tuoi bambini impareranno l’arte in maniera alternativa. Saranno attratti dalle musiche e da video interattivi che si trovano dappertutto in questo museo, sulle pareti, sul soffitto e anche sul pavimento!

L’Atelier des Lumières è davvero un’esperienza artistica innovativa, coinvolgente e multisensoriale che utilizza la tecnologia digitale e le opere d’arte.

2. Museo d’Orsay

Il Museo d’Orsay è una tappa obbligata per gli amanti dell’arte impressionista e post-impressionista.

orsay
Il musée d’Orsay è allestito in una stazione ferroviaria ristrutturata

È stato allestito in un’affascinante stazione ferroviaria ristrutturata e ospita una vasta collezione di opere di artisti come Monet, Van Gogh, Degas e Renoir.

Cosa vedere a Parigi Museo dorsay
Un dei numerosi autoritratti di Van Gogh

È qui che potrai ammirare il celebre quadro di Renoir, Bal au Moulin de la Galette (di cui ti ho parlato più in alto).

3. Museo del Louvre

pexels mathias reding 11783055
Credito della foto: Mathias Reding da Pexels

Il Louvre è il più grande museo d’arte del mondo e una delle attrazioni più visitate di Parigi. Ospitato in un palazzo reale secolare, il museo vanta una collezione eccezionale che spazia dall’antichità all’arte moderna. Tra le sue opere più celebri si annoverano la Gioconda di Leonardo da Vinci e la Venere di Milo.

Orari e giorni di apertura del Louvre

  • Mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle 9 alle 18
  • Venerdì dalle 9 alle 21.45
  • Il martedì il museo è chiuso.

Le entrate al Louvre sono gratuite per:

  • tutti i minori di 18 anni (con documento d’identità)
  • i giovani dai 18 ai 25 anni (che risiedano in Unione Europea, Norvegia, Islanda e Liechtenstein)
  • Tutti, solo il primo venerdì di ogni mese e dopo le 18.00 (ad eccezione dei mesi di luglio e agosto). L’ingresso è gratuito anche nella giornata del 14 luglio.
  • Sono previste entrate gratuite anche per alcune categorie come gli insegnanti di storia dell’arte (provvisti di documento valido che provi l’esercizio della professione) e altre (qui maggiori dettagli).

nota: Se vuoi visitare il Louvre (qui maggiori informazioni sugli orari di entrata) ti consiglio vivamente di prenotare in anticipo il biglietto di entrata perché, essendo uno dei musei più visitati al mondo c’è sempre una lunga fila di turisti all’ingresso.

4. Orangerie

Cosa vedere a Parigi: "Les Nymphéas" di Claude Monet al museo de l'Orangerie
“Les Nymphéas” di Claude Monet al museo de l’Orangerie

L’Orangerie è un gioiello nascosto nel cuore di Parigi, situato nei giardini delle Tuileries. Questo incantevole museo ospita la celebre serie di dipinti “Les Nymphéas” di Claude Monet, offrendo ai visitatori un’esperienza unica e suggestiva. Le enormi tele che ricoprono le pareti delle sale dell’Orangerie trasportano gli spettatori in un mondo di luce e colore, creando un’atmosfera di pace e serenità che permette loro di immergersi completamente nell’arte di Monet.

Posti originali, alternativi e particolari che ti mostreranno il lato insolito di Parigi

1. Museo di Montmartre

Nel cuore del quartiere, il Museo di Montmartre si distingue per la sua collezione d’arte che celebra la vita e l’arte bohémien. Ospitato in una villa del XVII secolo, il museo presenta opere di artisti come Renoir e Modigliani, offrendo un viaggio affascinante attraverso la storia culturale di Montmartre. Accanto al museo si trova la Clos Montmartre (o vigna di Montmartre).

2. La vigna di Montmartre (o Clos Montmartre)

La storia della vigna di Montmartre risale agli inizi dell’XI secolo, quando il quartiere era poco più di un insieme di piccole case e mulini. Nel XII secolo, diverse viti furono piantate sulla collina di Montmartre, trasformandola in un prospero vigneto. Nel 1500, l’attività vinicola si ampliò ulteriormente con l’aggiunta di più filari lungo il pendio e nelle pianure circostanti. 

Cosa vedere a Parigi: Clos Montmartre
Clos Montmartre

Ma col passare degli anni, l’urbanizzazione minacciò il vigneto, che gradualmente fu abbandonato e dimenticato. Tuttavia, intorno al 1930, i parigini decisero di preservare questa piccola oasi verde rendendo l’area non edificabile. Ancora oggi, gli abitanti del quartiere del XVIII arrondissement si prendono cura del Clos di Montmartre, piantando varietà di vitigni come il Pinot Noir e il Beaujolais

La vigna di Montmartre rappresenta una piccola gemma naturale nel centro di Parigi. Se vuoi conoscere anche il lato insolito e non convenzionale di questa città, dovresti assolutamente visitarla, come abbiamo fatto noi!

3. La Casa Rosa

Cosa vedere a Parigi: la Maison Rose
La Maison Rose a Parigi

La Casa Rosa è una testimonianza tangibile dell’eredità artistica di Montmartre. Questo edificio, dipinto in un vivace colore rosa, è stato dimora di artisti famosi come Picasso e van Gogh, che hanno trovato ispirazione nelle strade pittoresche e nell’atmosfera creativa del quartiere.

Anche questa è una chicca da non perdere se vuoi conoscere la Parigi alternativa.

4. Il cimitero di cani e gatti di Asnières-sur-Seine

Questo è sicuramente un luogo insolito a Parigi.

Si trova nella periferia della città, ed è raggiungibile tramite metropolitana (linea 13). Dista a circa mezz’ora di tragitto dal centro di Parigi.

È stato fondato nel 1899 ed è il più antico cimitero per animali al mondo.

All’interno del Cimetière des Chiens di Asnières-sur-Seine potrai trovare i sepolcri di cani poliziotto, ma anche animali randagi o divenuti noti come Rintintin, oltre ad animali appartenuti a personalità famose.

Un esempio è il gatto del marchese Henri de Rochefort, Kroumir, che si narra sia morto dopo soli 4 giorni dal decesso del suo padrone, a causa del dolore.

Troverai anche tombe di animali esotici come lemuri, pappagalli, gazzelle o pavoni.

5. Il cimitero di Père Lachaise

Cosa vedere a Parigi: La tomba del pittore Gericault al cimitero di Père Lachaise
Cosa vedere a Parigi: La tomba del pittore Gericault al cimitero di Père Lachaise

Strano visitare un cimitero, e questo cimitero è davvero enorme. È così grande che all’entrata troverai una mappa per orientarti tra i loculi e i mausolei delle personalità che hanno cambiato per sempre non solo Parigi, ma il mondo intero.

Il cimitero di Père Lachaise è un luogo intriso di storia e di quiete. Qui si trovano le tombe di personaggi illustri come Jim Morrison, Édith Piaf, Oscar Wilde. Un luogo assolutamente da non perdere per vedere il lato unconventional e stravagante della città.

tomba pere lachaise

Consigli finali per visitare Parigi

  • Considera che la compagnia Ryanair atterra a Beauvais, che dista un’ora e mezza di macchina da Parigi. Quindi, non solo impiegherai del tempo per raggiungere la capitale, ma spenderai anche circa 16 euro a tratta (se decidi di utilizzare l’autobus).

  • Come in tutte le grandi città è bene avere sempre un occhio di riguardo ai propri averi, soprattutto nei luoghi a grande affluenza turistica. Nei pressi di Montmartre ci siamo trovati in situazioni scomode con dei venditori ambulanti. Al nostro primo rifiuto nel comprare la loro merce si sono dimostrati insistenti oltremisura nel volercela propinare. Se dovesse capitarti, rifiuta in modo deciso e vai dritto per la tua strada prestando attenzione a eventuali zaini o borse.

  • Nel novembre 2015 sono purtroppo occorsi multipli attentati a Parigi e noi abbiamo (inconsapevolmente) alloggiato in un hotel proprio di fronte al teatro Bataclan (uno dei luoghi prescelti dagli attentatori). L’addetto alla reception del nostro hotel, Gérard, ci ha raccontato l’esperienza traumatica che ha vissuto quella notte, non senza emozionarsi.
    Purtroppo l’accaduto rappresenta una pagina dolorosa della storia recente di Parigi. E noi, anche grazie al racconto di Gérard abbiamo iniziato a documentarci sull’accaduto, perché pensiamo che un viaggio serva anche a questo. Se vuoi conoscere i particolari dell’attentato di Parigi del 2015, qui trovi uno dei tanti libri scritti in proposito. Qui, invece, la narrazione dei fatti pubblicata da Wikipedia.

Conclusione

Spero che questo articolo ti sia stato utile per programmare il tuo viaggio a Parigi e per conoscere la storia recente (e non solo) di questa bellissima città (una tra le più belle del mondo, secondo me).

E tu? Sei convinto, come me, che Parigi sia una delle città più belle del mondo? Quante volte l’hai visitata? Ti aspetto nei commenti e buon viaggio!

O forse non ne hai avuto abbastanza e vuoi sapere anche cosa trovare in ogni arrondissement dall’1 al 10?

Articoli simili

Rispondi